Claudia Nardinocchi confermata tecnico dell'under 13 e promossa a primo tecnico dell'under 16

L' allenatrice romana proseguirà l'esperienza con la società in due gruppi che conosce benissimo.

L'Asd Dream Team Roma, nella persona del Presidente Dr.ssa Anna Di Ludovico è lieta di annunciare la conferma di Claudia Nardinocchi come head coach dell'under 13 femminile per la stagione sportiva 2019/20.

L'ottimo lavoro svolto dell'allenatrice gialloblu in queste due stagioni proseguirà dunque nel prossimo campionato superiore.

Claudia verrà affiancata dalla giovane Federica Trisolino, allievo allenatore che ha mostrato anch'essa in questa stagione enormi potenzialità.

A Claudia viene anche affidata la gestione tecnica dell'under 16 femminile di cui era assistent coach da due stagioni, una promozione che oltre a riconoscere il lavoro fin qui fatto garantisce continuità per uno dei gruppi centrali del settore giovanile gialloblù.

L'allenatrice, classe 1987, in possesso del 2*grado 3^livello giovanile ha espresso così la sua soddisfazione in seguito all'ufficializzazione del proprio proseguo con i colori della Dream Team Roma:

"A questa conferma tenevo particolarmente e sono decisamente contenta che sia arrivata, proprio quando con la squadra delle più piccole siamo ancora in campo per l'ultima fase di campionato e tra le prime sei società su Roma. Penso che questo percorso sia molto importante per tutta la società, in particolare per il settore giovanile, e dunque poter continuare il lavoro con ragazze che stanno crescendo insieme a noi è davvero prezioso. Per la 16 si tratta invece di una sfida non semplice che mi da tantissimi stimoli perché è bello lavorare anche con le più grandi, che già fanno vedere tanti aspetti anche caratteriali più marcati, per questioni legate all'età e ai problemi che l'adolescenza si porta dietro. In quel gruppo il primo allenatore è anche chiamato a tenere saldo il gruppo e la testa delle giocatrici, visto che si uniranno due gruppi di giocatrici, chi ha già giocato questo campionato e un gruppo che ha iniziato da poco il percorso in questo sport. Sara una sfida perché in un gruppo più grande serve attenzione a 360° gradi (che non deve mancare nemmeno con le piccole) ed io voglio metterci il pieno impegno per entrare in empatia con loro e poterci togliere soddisfazioni importanti anche con questa squadra".